Torta caraibi

Torta caraibi
Questa torta l’ho realizzata per il compleanno di mio figlio Pierpaolo. Un giorno gli chiedo: “Pierpaolo, come la vuoi la torta di compleanno?” Lui senza troppo pensare si dirige verso la mia scrivanie prende un libro di Montersino, sfoglia e dopo qualche minuto mi fa: “mamma voglio questa”! Ebbene si, ha scelto la torta caraibi. Lo guardo e gli chiedo “sei sicuro? Dai vediamone qualche altra”! Lui, “no mamma, voglio questa”. Insomma i figli ti devono complicare la vita in un modo o nell’altro”. La realizzazione della torta i se non è stata complicata, lo devo ammettere, la parte davvero complicata è stata quella della rottura e pulitura della noce di cocco, insomma se fate questa torta preparatevi a rincorrere la noce di cocco con martello e cacciavite, ahahahahah che per la realizzazione di una torta sono gli strumenti raccomandati ahahahahahah.
Torta caraibi 1
Per il cremoso al cioccolato:
65 g d tuorli
30 g di zucchero semolato
160 g di latte di riso
3 g di colla di pesce in fogli
80 g di cioccolato fondente al 70%
Ingredienti per uno stampo da 22 cm
Per la dacquoise al cocco e pistacchio:          
160 g di albumi
160 g di zucchero semolato
65 g di cocco rapè
65 g di zucchero a velo
65 g di pistacchi
Chibouste al cocco:                                                     
160 g di tuorli
50 g di zucchero semolato
30 g di amido di mais
250 g di polpa di cocco
12 g di colla di pesce in fogli
220 g di albumi                                                                                             
190 g di zucchero semolato
50 g di burro di cacao in polvere
Per la finitura:  
Cocco rapè q.b.                                                    
Pistacchi in granella                   
Fragole 
panna montata q.b.
Preparazione:
Per il cremoso al cioccolato:
Portate a bollore il latte di riso. Nella planetaria o con un frullino unite i tuorli con lo zucchero e montateli fino a che diventano spumosi e chiari; versateli sul latte in ebollizione fate cuocere fino ad arrivare alla temperatura di 85 C. Togliete dal fuoco ed unite la colla di pesce precedentemente ammollata e strizzata (deve aumentare di 5 volte il suo peso per essere pronta). Aggiungete infine il cioccolato fondente, fate sciogliere per bene ed emulsionate con un mixer ad immersione. Colate in uno stampo più piccolo di un centimetro rispetto allo stampo poi utilizzato per il montaggio della torta, e mettete in congelatore.
Per la daquoise al cocco e pistacchio:
Polverizzate in un macina caffè il coco rapè, lo zucchero a velo ed i pistacchi. Montate a neve l’albume con lo zucchero semolato, quindi unite le polveri miscelando dal basso verso l’alto. Con un sac a pochè munito di bocchetta liscia formate sulla carta da forno delle forme di un centimetro più piccole rispetto alla torta che si andrà poi a confezionare. Cuocere in forno a 180 C per 10-12 minuti.
Per la polpa di cocco:
Un cocco 
martello e cacciavite
Vi metto un link su come aprire una noce di cocco
Frullare per bene circa 200 g di polpa con il latte del frutto che avete messo da parte
Per la chibouste al cocco:
Montarei tuorli con lo zucchero e l’amido di mais fino  che diventano chiari e spumosi; portate a bollore il latte di cocco quindi versate dentro la montata di tuorli, quindi cuocete continuando a mescolare come una normale crema pasticcera.
Togliete dal fuoco ed unite la colla di pesce precedentemente ammollata e ben strizzata. Scaldate a circa 70 C gli albumi con lo zucchero, quindi montate fino ad ottenere una meringa soffice ma non troppo compatta. Unite la crema al cocco ancora calda alla meringa ed amalgamate per bene i composti.
Composizione del dolce:
Foderate un anello con della pellicola dalla parte esterna.
Mettete sul fondo dell’anello che avete scelto la daquoise , con una sac a poche ricoprite il disco con metà della chibouste al cocco, quindi inserite il cremoso ancora congelato; riempite con la chibouste la parte che manca dal cremoso al bordo dell’anello e inserite il secondo  disco di daquoise e ricoprite di chibouste fino al bordo dell’anello pareggiare con una spatola e mettere in congelatore.
Al momento della decorazione tirare fuori la torta dal congelatore estrarre dall’anello la torta ancora congelata e ricoprire i bordi della torta con il cocco rapè ed adagiare la torta su un piatto da portata. Zuccherare e montare la panna e fare dei ciuffetti di panna intorno ai bordi della torta. 
Per la gelatina di fragole
150 gr. di fragole
30 gr. di zucchero
3 gr. di gelatina
succo di un quarto limone
Frullare le fragole con lo zucchero e filtrare la purea ottenuta in modo da eliminare i semini. Scaldare una piccola parte di fragole frullate e sciogliere dentro la gelatina ammollata in acqua e strizzata, girare per bene in modo da far sciogliere per bene la gelatina e unire al resto delle fragole frullate e aggiungere il succo di limone. Versare la purea sulla superficie del superficie del dolce e dopo qualche minuto quando la gelè comincia a tirare decorare con fragole e granella di pistacchio. Mettere in frigo fino al momento di servirla.
Nota: Tenete presente che la torta viene decorata ancora congelata quindi decoratela o la sera prima di servirla oppure la mattina presto, deve passare in frigo per almeno 5/6 ore per scongelarsi completamente
A presto, Antonietta.