Pallott cac’ e ove (Polpette cacio e uova)

 

Pallot cac' e ove
E’ qualche giorno che penso a questa ricetta! Gli
ingredienti in casa e mi sono dannata prima io e poi mio marito a cercare, fra
i tanti scatoloni in garage (ma questa è altra storia),  le mie amate pentole in coccio! Risultato
della dannazione? Tanti scatoloni aperti, ma niente coccio! Uffi che fare
rinunciare? Ma questo post lo voglio proprio fare, tutta colpa di Max ;D Ci
tengo molto a partecipare al suo contest,
mi piace quello che fa e come lo propone e poi dalle battute scambiate
su fb si vede che è una persona straordinaria ed educata, legato alle sue
origini e che trasmette molto dalle sue preparazioni.  Ora per tornare al mio discorso, mi trovo in
difficoltà voglio fare questa ricetta e la voglio fare nel coccio! La mia nonna
lo faceva nel coccio e io ho continuato così. Idea una pentolina di coccio cè
l’ho, anche se piccola, la ricetta la faccio lì! Stabilito dove farla, mi metto
all’opera.

 

E’ una delle ricette della mia tradizione, quella abruzzese,
è una ricetta povera di quello che si aveva in casa, pane, formaggio e uova,
altrimenti dette “Pallot cac’ e ove” (Polpette cacio e uova) . Molte le
varianti, dipendeva anche dalle famiglie, chi si poteva permettere più
formaggio le faceva tipo chenelle nel sugo chi non disponeva di troppo
formaggio metteva più pane, comunque essendo una ricetta delle nonne si andava
molto ad occhio.

Pallot cac' e ove

Nella ricetta non posso essere precisa anche perché
sinceramente non ho mai pesato gli ingredienti ho sempre fatto come mi ha
insegnato la mia nonna e la dose è nelle mani!

 

 

Ricetta

 

500 g di formaggio di mucca semistagionato (personalmete ho
trovato un mix tra un formaggio di mucca locale, un pecorino locale e un
pochino di parmigiano)

 

2 -3 fette di pane raffermo

 

3-4 uova (dipende dalla grandezza)

 

Un mazzetto di prezzemolo

 

2 spicchi d’aglio

 

Pepe qb (evitare il sale per la presenza di formaggi
saporiti)

 

Per la salsa al pomodoro

 

Pomodori in salsa

 

Cipolla

 

Peperone verde

 

Olio extravergine di oliva

 

Sale qb

 

Grattugiare il formaggio , tritare prezzemolo ed aglio,
strizzare il pane bagnato nell’acqua e mischiare tutto con le uova. Formare
delle polpette e friggerle in abbondante olio extravergine di oliva.

 

Preparare la salsa facendo un soffritto di cipolla e il
peperone verde fatti a pezzi non troppo piccoli e aggiungere la salsa di
pomodoro. Una volta a metà cottura immergere nella salsa le polpette e portare
a cottura la salsa.

 

Nota: Le polpette tendono ad assorbire tanto pomodoro.

 

Pallot cac'e ove

 

Spero che questa ricetta vi piaccia per me è di casa e parla
della mia terra!

Pallot cac' e ove

 

Ciao a presto, AntoniettaCon questa ricetta partecipo al contest di Francesca


Dimenticavo con questa ricetta partecipo al contest di Max

 

17 pensieri riguardo “Pallott cac’ e ove (Polpette cacio e uova)”

  1. Grazie Anto…sia per la stima che per queste polpette. Sono fantastiche e le foto lo dimostrano in pieno. Anche io vado molto a occhio ed è l'unico modo per arrivare poco poco al gusto di ciò che facevano le nostre nonne, altrimenti se peso varia completamente. Grazie ancora, un abbraccio e a prestissimo. Ciao.

  2. senti, che ne dici se ti prendo come cuoca au pair in cambio di alloggio negli states???? hai mai provato a cucinare qualcosa di speciale gluten free. se sí allora sei mia!!!!!!!!!!!!!!!! vorrei avere la tua stessa dote nel cucinare. Congratulazioni!!

    1. Io vengo volentieri! ;D Certo ho cominciato ad avvicinarmi da poco al gluten free da quando conosco un amico celiaco e intollerante ai latticini! Voglio assolutamente imparare il più possibile!

  3. Hai ragione su Max, anch'io trovo sia una bella persona! Hai fatto bene a ricercare la pentolina di coccio, il risultato è uno splendore… un abbraccio e in bocca al lupo per il contest!

  4. Oh fantastica questa ricetta, sono buonissime! Le ho assaggiate la prima volta ad Atessa (CH) e me ne sono innamorata subito! La farò il più presto possibile! Il mio ragazzo si leccherà sicuramente i baffi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *