Sfoglia lorda

Pasta lorda 6
Eccoci di nuovo all’appuntamento mensile della ricetta collettiva del mio gruppo di cucina. Questo mese Donatella ha scelto un primo piatto della tradizione emiliana, che aveva postato tempo fa la nostra amica Katia. Ho fatto questa pasta avendo mille perplessità, ma si staccherà? Il ripieno si scioglierà? Insomma, non so se a voi capita mai, ma quando faccio una cosa nuova mi viene sempre un certo formicolio sotto i piedi! insomma preparo il ripieno, tiro la pasta…… procedo e mano a mano che quella meraviglia prendeva forma tra le mie mani mi dicevo: “questa pasta deve essere una meraviglia”. Bhè vi assicuro così è stato. L’ho condita nel modo classico come vuole la tradizione, in brodo. Quando l’ho servita sono sparite tutte le mie perplessità, non si è staccata e non si è sciolto il ripieno, sono rimasti dei quadrotti ripieni di gusto, davvero buonissimi. Ragazzi sono strafelice di questa iniziativa che ogni mese facciamo tutte insieme nel gruppo è un modo di condividere le nostre tradizioni, ma soprattutto di condividere una passione che ci lega ed accomuna tutti. La cucina.
Ora passo alla ricetta.
Pasta lordaPasta lorda 1
Per la pasta:
Personalmente ho tenuto la sfoglia più morbida.
250 grammi di farina (Uso da tempo la gran pasta del Molino Quaglia e questa farina mi piace da pazzi), ma potete usare una 00 normale.
3 uova intere
Per il ripieno:
250 g di ricotta di pecora
100 g di mortadella
100 g di parmigiano 
1 uovo
Pasta lorda 2Pasta lorda 3
Per il condimento:
Brodo di carne o vegetale, come più vi aggrada
La farcia l’ho preparata così:
ho frullato col minipimer  la mortadella con l’uovo fino a renderla una crema e ho mischiato con ricotta e parmigiano.
Dividere la pasta in due parti uguali e stendere  con il matterello due sfoglie piuttosto sottili. Stendere sopra una delle sfoglie il ripieno preparato e ricoprire con la seconda sfoglia, schiacciare leggermente con le mani e tagliare a piacere. Si possono tagliare sia a mò di tagliatelle oppure come ho fatto io a quadrotti.
Pasta lorda 4Pasta lorda 5
Cuocere in abbondante brodo. Saranno cotti dopo circa un minuto che vengono a galla.
I miei tre uomini hanno fatto tutti e tre il bis 😉
Ciao a presto

Piccoli sandwich alla panna

Piccoli sandwich alla panna

Amo i lievitati e amo quello che mi sanno dare, se sono dolci poi……………

Appena visti questi dolcetti, su uno dei tanti libri che ho di Montersino, bhè è stato amore a prima vista! Chi di voi conosce Luca Montersino saprà capirmi, chi non lo conosce e credo pochissimi, bhè che dirvi ogni sua ricetta è un vero e proprio successo. Questi paninetti dolci in questo caso li ho farciti con la famosa crema alla nocciola, ma vi assicuro che anche con un velo di burro e marmellate varie fanno la loro bella figura. Sono buonissimi e sofficissimi. L’unica variante da me apportata alla ricetta è stato l’uso della pasta madre al posto del lievito di birra e per motivi di organizzazione anche la maturazione in frigo per un notte. Le quantità le ho raddoppiate i miei bimbi di solito non fanno mai arrivare niente al giorno dopo. 
Ingredienti:
750 g di farina forte
100 g di lievito madre
14 g di sale
10 g di malto d’orzo
30 g di latte intero in polvere
80 g di zucchero semolato
100 g di burro
300 g di panna
400 gr di latte fresco intero
seni di sesamo
semi di papavero
Per il ripieno:
Nutella
piccoli sandwich alla panna
Esecuzione:
Mettere la farina nella planetaria con il gancio, unite il malto d’orzo, il latte in polvere, lo zucchero semolato, il lievito sciolto in un poco di latte e impastare aggiungendo gradualmente prima la panna  e poi il latte. Una volta formato l’impasto aggiungere il sale e gradualmente e poco alla volta il burro ammorbidito. 
Ho lasciato riposare l’impasto tutta la notte in frigo. In tarda mattinata ho tirato fuori l’impasto reimpastato lasciato lievitare un paio di ore. Ho steso l’impasto dello spessore di 1 cm e coppato dei dischetti di 2 cm di diametro disposti i cerchietti su una teglia rivestita di carta da forno coperti con della pellicola e lasciati lievitare fino al raddoppio. 
Una volta lievitati cuocete in forno preriscaldato a 240°C per 4/5 min.
Una volta freddati dividete a metà e farcite come credete.
Ciao a tutti e a presto.